Sep. 20, 2017

PLAYOFF SERIE C GOLD FINALE GARA 3: CALORFLEX ODERZO-SECIS B.C. JESOLO 51-53

Autore:

|

22 maggio 2017

|

Pubblicato in:

PLAYOFF SERIE C GOLD FINALE GARA 3: CALORFLEX ODERZO-SECIS B.C. JESOLO 51-53

SECIS B.C. JESOLO: Mbaye 6, Zatta 6, Maestrello Matteo 22, Fantin ne, Cia, Ambrosin 8, De Lazzari 4, Maestrello Nicola 2, Di Marzo ne, Ruffo 5, Delle Monache ne, Bassetto ne. All. Guerra Ass. Fels.

FOTO PRIMA PROMOZIONE

Era il 2011 e l’articolo di Thomas Maschietto  sulla Nuova Venezia raccontava l’inizio della prima squadra.

L’anno successivo giocano i giovani ed inizia ad allenare Max Guerra. 

Basket Dolo Dolphins-B.C.Jesolo 51-62

Un viaggio lungo mille chilometri inizia con un piccolo passo. (Lao-Tzu)

A suo modo e nel suo piccolo, questa è stata una partita che ricorderemo per un bel po’ di tempo.
Era la prima volta per la nuova dirigenza, era la prima volta per il nostro bravissimo coach alla guida di una prima squadra, era la prima volta che a molti dei ragazzi in campo veniva chiesto di assumere un ruolo da protagonisti in un campionato senior. Come sempre le prime volte sono cariche di tensione e di emozione ma già dal riscaldamento si percepiva che la concentrazione e il livello di attenzione della squadra erano quelli giusti. Le prime azioni di gioco confermano le impressioni ed il vantaggio con cui si chiude il primo quarto è frutto di una bella pallacanestro fatta di scelte giuste in attacco e difesa aggressiva (……………………….)
Alla fine è festa meritata per i ragazzi e per i loro genitori in tribuna.

Era il 9 novembre 2012 e questo è parte dell’articolo che racconta la partita di esordio nel campionato di promozione del B.C. Jesolo, Società che all’epoca poteva contare solo su una squadra giovanile e qualche decina di bimbi iscritti al minibasket, ma con un nuovo assetto dirigenziale e con coach Guerra per la prima volta alla guida di una squadra senior.

Non poteva essere più profetico l’incipit di quell’articolo ed oggi quella partita e quella foto dell’anno prima, stile armata brancaleone, sono state le prime cose che ci siamo ricordati nell’abbraccio con Massimo Guerra a fine partita in mezzo al campo di Oderzo, pochi secondi dopo aver conquistato la promozione in serie B.

In questi (pochi) anni di vita della nuova Società, tanti errori, tanta inesperienza, tante dimenticanze, qualche incomprensione, ma soprattutto tanta programmazione, tanta competenza, tanta conoscenza della materia, tantissimo sacrificio e tanto buon senso per far crescere la Società con il contributo di tutte le persone che ogni santo giorno si sono adoperate per risolvere i mille problemi che si presentavano, dal minibasket alla prima squadra.

Oggi ad Oderzo la crescita della Società non era testimoniata solo dalla squadra che in campo si giocava la finalissima per la promozione in serie B, ma dalla presenza sulle tribune di molti ragazzi del nostro settore giovanile, di tutti i loro genitori molti dei quali hanno mollato il lavoro per essere presenti, dei nostri ex giocatori che sentono ancora forte il senso di appartenenza, di molti jesolani che seguivano la squadra ai tempi d’oro negli anni ’80. Tutti a fare un frastuono assordante per 40 minuti, ad alzarsi in piedi ogni volta che i ragazzi rientravano in panchina nei time out, come se questo potesse dare loro energie nuove, a commuoversi dopo il fischio finale come se in campo ci fossero stati loro.  

I ragazzi in campo oggi sono riusciti nell’impresa di rappresentare tutto questo, come se questo piccolo pezzetto di storia fosse stato da loro assimilato durante tutti questi mesi di lavoro in palestra. I ragazzi oggi hanno realizzato qualche cosa di cui dovranno andare fieri per sempre e sono entrati di diritto nella storia di questa Società non solo per il risultato ottenuto, ma anche per il quotidiano esempio che hanno saputo dare ai più piccoli con i loro comportamenti quotidiani. Alcuni di loro sono arrivati con noi la scorsa estate, altri sono con noi da 2 o 3 anni, tutti ci hanno scelto per come ci siamo posti nei loro confronti e per ciò che abbiamo detto loro; a molti di loro, protagonisti oggi nella promozione in serie B, siamo piaciuti anche quando eravamo in serie D e quando abbiamo chiesto loro una mano per crescere, hanno rinunciato a categorie superiori per iniziare un cammino con noi. Ancora oggi noi dirigenti insieme a coach Guerra ripensiamo a qualche giocatore che qualche anno fa ci rispose: “no grazie, siete in una categoria troppo bassa per me” ed inevitabilmente ci facciamo quattro risate di compassione.

Se volete sapere come è andata la partita leggetevi i giornali o guardatela integralmente su youtube a questo link https://www.youtube.com/watch?v=TAf_DCjRFvY perché oggi non ho voglia di raccontarla.

Vi suggerisco solo di notare come sono stati fatti i 22 punti di Matteo, in quali momenti della partita e con quale controllo della situazione ha giocato sia in attacco che in difesa, vi suggerisco di guardare come ha difeso Nicolino Ruffo e di guardare cosa ha fatto a 3 minuti dalla fine della partita, quando dopo aver spadellato per 35 minuti, ci ha portati da solo dal -2 al +3 mettendo una tripla storica, di guardare Mbaye  con quale cuore ha giocato tirando giù 17 rimbalzi tra cui un tap in importantissimo verso la fine, di guardare con quale facilità Zatta è riuscito a togliere castagne dal fuoco in attacco dall’alto della sua freddezza ed esperienza. Ambrosin e Nicola Maestrello sono stati i soliti leoni in difesa e, a differenza delle scorse partite, è mancata loro solo la buona percentuale in attacco ma a dispetto della giovane età, sono stati furbi a concentrarsi su tutto ci che serviva alla squadra per vincere, ne sono testimonianza i 15 rimbalzi catturati in totale. L’apporto di Luca De Lazzari è stato fondamentale per coach Guerra in questi play off perché trovare un giocatore come lui pronto ad uscire dalla panchina e fare concretamente la differenza, ha significato poter mantenere il gioco ad alto livello, così come è capitato per Piercarlo Cia. Ed ultimo ma non ultimo Andrea Delle Monache a cui voglio assicurare che la sofferenza di tutti i tifosi nel vederlo in stampelle a bordo campo e non in mezzo all’area a fare legna, è stata sicuramente pari alla sua.

In poche parole un gruppo con le palle quadrate.

Buona estate a tutti, noi come al solito continuiamo con il nostro lavoro perché anche questa estate le nostre palestre saranno regolarmente aperte ai nostri giovani fino al 31 luglio per 3 pomeriggi alla settimana per gli allenamenti di potenziamento fisico, di miglioramento dei fondamentali, di tiro. Non cambia nulla.

Stefano Teso. 

Condividi questo articolo

Altre News

Secis BC Jesolo – Basket Mestre Gara amichevole di pre-campionato
I NUOVI ARRIVI IN CASA SECIS B.C. JESOLO: MARCO MORO
I NUOVI ARRIVI IN CASA SECIS B.C. JESOLO: SIMONE BERGAMO

About Author

stefano