Sep. 20, 2017

PLAYOFF SERIE C GOLD FINALE GARA 2: SECIS B.C. JESOLO-CALORFLEX ODERZO 59-55

Autore:

|

18 maggio 2017

|

Pubblicato in:

PLAYOFF SERIE C GOLD FINALE GARA 2: SECIS B.C. JESOLO-CALORFLEX ODERZO 59-55

ODERZO GAARA 2---1 (1)  ODERZO GARA 2----3

SECIS B.C. JESOLO: Mbaye 7, Zatta 5, Maestrello Matteo 14, Fantin, Cia, Ambrosin 13, De Lazzari 2, Maestrello Nicola 12, Di Marzo ne, Ruffo 6, Bassetto ne. All.Guerra Ass. Fels.

Si va a gara 3. Una serata spettacolare non solo per il risultato a nostro favore, ma per la bellezza del colpo d’occhio di un Pala Cornaro stracolmo di gente e con i decibel fuori controllo. Con una prestazione di carattere generosità e cuore sono stati spazzati via tutti i dubbi che gara 1 aveva inevitabilmente creato.Questa sera la tattica è stata importante ma per vincere una partita dove si è tirato con il 46% da due punti, con il 17% da tre punti e con il 57% ai tiri liberi, molto più determinanti sono stati  la cattiveria agonistica, la volontà e la caparbietà nel perseguire l’obiettivo che i nostri ragazzi hanno messo in campo.

Il nostro inizio è scoppiettante con un 8-0 che fa subito capire a tutti i tifosi che questa sera si vende cara la pelle, ma di fronte c’è Oderzo, non una squadra qualsiasi, che in meno di 2 minuti ricuce lo strappo e anzi, si prende un piccolo vantaggio sul finire del primo quarto. La partita è in perenne equilibrio con piccoli vantaggi da una parte e dall’altra e anche se le nostre percentuali in attacco sono basse, la difesa attenta e solida ci tiene abbondantemente in partita.

Noi segniamo davvero poco ma è Matteo che dall’alto della sua esperienza capisce che deve prendersi le maggiori responsabilità al tiro e quando Oderzo si procura un piccolo vantaggio di 6 punti a metà del secondo quarto, è proprio Matteo insieme a Zatta e ad una tripla di Ruffo a costruire un parziale di 9-0 che, dal 19-25, ci fa andare al riposo in vantaggio 28-25.

Dagli spogliatoi i nostri ragazzi escono carichi a molla perché il parziale si allunga fino a 34-25 e prendiamo un vantaggio che riusciamo a mantenere in doppia cifra e potremmo chiudere il terzo quarto così se non fosse per una ingenuità di Ambrosin che commette fallo su tripla realizzata da Varuzza allo scadere concedendo così 4 punti che si riscoprono una iniezione di fiducia per Oderzo.

La partita è una battaglia, di fronte ci sono le due migliori difese del campionato e da entrambe le parti ogni canestro realizzato è una autentica conquista ottenuta con fatica e sudore ed il pubblico consapevole di questo, rende la sfida ancora più incandescente trasformando il Pala Cornaro in una bolgia assordante.  Massimo Guerra è una furia in panchina, suggerisce ad ogni giocatore i movimenti in difesa, difende insieme a loro lungo la linea laterale, si preoccupa che il pubblico sostenga la squadra, potesse fare i time out in mezzo al pubblico lo farebbe, ma Oderzo è più vivo che mai ed inizia l’ultimo quarto piazzando un parziale di 9-2 che riporta il punteggio in parità sul 51-51, tutto da rifare.

Mbaye questa sera vola, è presente ovunque, ad ogni tiro sbagliato dai suoi compagni contesta il rimbalzo, ad ogni penetrazione si fa trovare pronto all’aiuto difensivo, corre in contropiede non appena ne intravede le possibilità ed alla fine il suo score segnerà 17 rimbalzi totali, quasi la metà dell’intera squadra. Matteo è letteralmente francobollato per tutto il tempo in cui rimane in campo ma riesce comunque a tirare col 50% dal campo ed Ambrosin gioca una partita strepitosa, difendendo fortissimo e realizzando canestri di importanza capitale.

De Lazzari quando chiamato in causa da coach Guerra, si fa trovare subito pronto realizzando in un momento delicato ma soprattutto catturando un rimbalzo in attacco che alla fine peserà come un macigno sul risultato finale e Cia è il solito guerriero che garantisce solidità alla difesa. L’ultimo strappo nel punteggio però porta la firma degli altri due protagonisti della serata, Nicola Ruffo e Nicola Maestrello, che si prendono per mano la squadra quando Matteo e Ambrosin escono per falli.

Ruffo inizia con percentuali basse ma quando la palla scotta immancabilmente è in mano sua e la mette dentro, ma soprattutto da lui partono i recuperi difensivi che ci permettono di allungare nel terzo quarto. Nicola Maestrello invece fa semplicemente la differenza, sia in attacco che in difesa, è il giocatore che ci permette di essere efficaci in tutto ciò che facciamo e mette un canestro a 3 minuti dal termine che fa esplodere il fantastico pubblico jesolano.

Ora ci aspetta gara 3, noi siamo pronti, arriviamo.

Condividi questo articolo

Altre News

Secis BC Jesolo – Basket Mestre Gara amichevole di pre-campionato
I NUOVI ARRIVI IN CASA SECIS B.C. JESOLO: MARCO MORO
I NUOVI ARRIVI IN CASA SECIS B.C. JESOLO: SIMONE BERGAMO

About Author

stefano